Sono sempre di più le persone che si avvicinano al mondo del BDSM, una pratica erotica assolutamente piccante e molto trasgressiva. Si tratta di un'ottima possibilità per chi ha voglia di rompere la monotonia e vivere qualcosa di diverso ma che possa comunque garantire elevato piacere. Ecco perciò alcune informazioni utili su questa pratica sessuale ormai sempre più in via di diffusione.

BDSM: di cosa si tratta?

La prima cosa da fare è quella di chiarire il significato della parola BDSM e cosa si intenda realmente per questo tipo di pratica sessuale. Questo è un acronimo, in cui la B sta per bondage, ovvero una forma di costrizione che diventa sia fisica che sentimentale, con un gioco di ruoli molto piccante. C'è poi la D che invece sta per dominazione, in quanto in questa pratica non può certo mancare la presenza di un dominatore, uomo o donna che sia non è importante. La S invece sta ad indicare la sottomissione e il sadismo: questo vuol dire che il dominatore sarà padrone del gioco e avrà il compito di mettere in atto alcune pratiche che possano causare un dolore eccitante nel sottomesso. La M invece sta per masochismo, in quanto chi sceglie di mettere in atto una pratica del genere prova un certo piacere nel soffrire. Su orgasmobdsm.it si potranno trovare tutti i dettagli di questa pratica sessuale sempre più diffusa tra persone di ogni età.

Alcuni esempi di pratiche di BDSM

Per comprendere meglio il vero senso del BDSM e cosa si intenda con questo termine, è bene parlare di alcune pratiche davvero sensazionali e molto piccanti. A partire dal bondage e dalla sospensione del partner, fino ad arrivare anche a una serie di giochi con sensazioni di tagli e piercing che provocheranno eccitazione elevata. Si parla anche di pratiche di umiliazione e di vera e propria tortura, che però avrà come obiettivo principale quello di far godere l'altra persona e non certo di farla soffrire. Non possono mancare delle parole chiave che fanno intendere che si sta provando dolore e che dunque è necessario fermarsi. Anche la tortura di una sola parte del corpo e i feticci rientrano nel BDSM, oltre a comportamenti restrittivi, voyeurismo ed esibizionismo. In ogni caso, è bene precisare che il BDSM si basa molto su un gioco di ruoli alquanto piccante.

Alcune regole fondamentali per iniziare col BDSM

Prima di andare nel dettaglio di quelli che sono i ruoli di una pratica sessuale del genere, occorre precisare alcune cose per iniziare. In primis, si deve trattare di un rapporto da vivere con piacere, per cui entrambi i partner devono essere consenzienti. Non ci deve essere timore alcuno così da sentirsi liberi di lasciarsi andare e sperimentare una nuova forma di trasgressione. Oltre a dover sottolineare l'importanza di stabilire una parola che dovrà significare stop immediato: questa è fondamentale in quanto, in alcuni momenti, si potrebbe provare dolore o fastidio, ed è preferibile fermarsi pronunciando quella parola. Oltre a dover considerare che chi inizia ad approcciarsi col BDSM farebbe bene a partire da cose più semplici, senza spingersi eccessivamente oltre. La prima esperienza BDSM va vissuta con piacere e con senso di appagamento, liberi da qualsiasi tipo di timore.

I ruoli nel BDSM

Per quanto concerne i ruoli, si parte dalla figura dominante che nel rapporto può essere uomo o donna. La cosa importante è che si tratti di una persona pronta ad avere un ruolo molto attivo e che sia disposta a dare ordini e comandi molto piccanti. Sarà proprio questa figura a gestire l'esperienza sessuale e a garantire piacere durante questo tipo di rapporto erotico. Vi è poi ovviamente il sottomesso o slave che è colui il quale dovrà sottostare a tutti i comandi del master o dominatore. Questa è una figura prettamente passiva e può essere anche più di una, qualora si parli di un rapporto di gruppo. Il suo è un modo di fare estremamente devoto al padrone e dovrà perciò stare a sentire tutti quelli che sono i suoi ordini e comandi.
Infine, nel BDSM si parla anche dello switch, ovvero di un soggetto molto versatile che prova estremo piacere nel ricoprire alternativamente e coerentemente entrambi i ruoli. Questo vuol dire che passa facilmente nello stesso rapporto da dominatore a slave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.